antonella cilento

Picaresca: in scena a Salerno venerdì 24 un nuovo spettacolo di Antonella Cilento

picaresca Venerdì 24 giugno 2016, alle ore 24,
a Salerno, nella Sala Pier Paolo Pasolini,
Lungomare Trieste
si terrà lo spettacolo

PICARESCA

ovvero

Don Chisciotte a Napoli

Omaggio a Cervantes

con
GEA MARTIRE, voce recitante
MONICA ASSANTE DI TATISSO, musica e voce

narra
ANTONELLA CILENTO

videoproiezioni a cura di
IOLE CILENTO

E se Sancho Panza parlasse napoletano? Non sarebbe dispiaciuto a Cervantes, che amò tanto Napoli da desiderare di tornarci a morire, se il romanzo dei romanzi, il suo Don Chisciotte, avesse preso una declinazione partenopea: del resto anche le sue Novelle esemplari sono ambientate in Italia ed in Italia, anzi a Napoli, abitò uno dei suoi maestri, Boccaccio, e a Napoli gli è quasi contemporaneo Giovambattista Basile, che ne Lo cunto de li cunti realizza favole picaresche e sheakespeariane.
Nel quattrocentesimo di Cervantes e del Bardo, ecco un recital, letto, cantato e narrato, per sognare, fra sole donne, un'attrice, una cantante (con chitarra dal vivo) e una scrittrice, di cavalieri, avventure, fatture, uomini di vetro e "guai passati": perché i mulini a vento soffiano ancora nei vicoli e sulle autostrade.


Gea Martire, attrice di prosa e cinematografica, ha partecipato, fra gli altri, a film di Daniele Lucchetti, Ettore Scola, Nanny Loy, Carlo Verdone, Mario Monicelli, Ferzan Ozpetek e Dino Risi.
Interprete di tanto teatro, per due anni in compagnia con Luca De Filippo, è stata interprete per Armando Pugliese, Arturo Cirillo, Luigi Squarzina, Antonio Capuano, Ruggero Cappuccio e Manlio Santanelli. Fra gli spettacoli recenti ha portato in scena i monologhi Cafone! di Antonella Cilento e Mulignane! , quest'ultimo per la regia di Antonio Capuano.
E' nelle sale con La buonuscita di Enrico Iannaccone e nel 2017 con Ferdinando uomo d'amore di Annibale Ruccello sarà nella stagione del Teatro Stabile di Napoli.

Monica Assante di Tatisso, attrice e cantante, dopo l'esperienza di teatro di strada nei festival di tutta Europa negli anni Ottanta con "Chille de la Balanza", ha lavorato con Tato Russo, Armando Pugliese, Luigi Squarzina, Roberto De Simone, Antonio Capuano, Luca De Filippo, Gea Martire e Biagio Izzo, Antonio Calenda, Marisa Laurito, Carlo Giuffré e molti altri. Fra gli spettacoli recenti ricordiamo nel 2011 Ecco il Messia di Robero De Simone, Toledo Strasse e Interno familiare di Paolo Coletta, Uomo e galantuomo di D'Alatri. Per il cinema ha partecipato a film di Marco Ferreri, Nanni Loy e Antonio Capuano.

Antonella Cilento vive e lavora a Napoli. Alla scrittura narrativa e teatrale affianca la attività saggistica e giornalistica, in cui si riflettono gli interessi coltivati nel campo della parola e della scrittura creativa, attraverso l'attività che svolge dal 1993, a Napoli e nel resto d'Italia, con il progetto Lalineascritta, di cui è fondatrice e direttrice, e con cui realizza corsi, stage e laboratori rivolti a giovani, adulti, studenti e scuole. Collabora con "ll Mattino", il "Corriere della sera", "Il Sole 24ore" "Il Riformista" e numerose riviste. Al suo attivo più di 15 pubblicazioni tra romanzi e raccolte di racconti. Nel 2014 è stata finalista al Premio Strega con il romanzo Lisario, o il piacere infinito delle donne (Mondadori, vincitore Premio Boccaccio), tradotto in tutta Europa e Sud America. I suoi titoli più recenti sono Bestiario napoletano (Laterza) e La madonna dei mandarini (NN editore). Il suo sito web è www.antonellacilento.it

Iole Cilento si è formata all'Accademia di Belle Arti di Napoli e presso il Dipartimento di Arti Plastiche dell'Università di Parigi. Lavora come scenografa dal 1997 per videoclip. Installazioni, eventi, manifestazioni di piazza e in particolar modo nell'ambito dello spettacolo per adulti e ragazzi collaborando, fra gli altri, con Libera Scena Ensemble, Teatro della Tosse, Teatro Cargo, Teatro di Dioniso, Fondazione TRG, Teatro Stabile di Torino, Opera Teatro, Cantieri Teatrali Koreja, Teatro Potlach, Sosta Palmizi. Dal 2002 affianca a questa attività quella di illustratrice e conduttrice di corsi e stages curando laboratori di manualità e arte contemporanea presso scuole elementari e medie fra il Piemonte e la Campania con allievi normodotati e diversabili. Per l'Ass. "La Girandola" di Torino ha curato il settore scenografico dei laboratori/spettacolo con attori diversabili per gli allestimenti Amabaradàn e Filottete H. Nell'ambito dei progetti CEE per l'Alta Formazione di esperti in teatro sociale ha svolto docenze in materia di scenografia per gli allievi dell'Università di Lecce e Ancona.

© 2014-2017 Antonella Cilento - Tutti i diritti riservati