antonella cilento

Non è il paradiso

Sironi, 2003

Antonella Cilento - Non è il paradisoEva non ama la pizza e non beve caffè, Riavulone è il diavolo, che l'accusa di essere "na chiavica 'e napulitana", di non essere una napoletana come si deve. Il frutto proibito è Napoli, una città strapazzata e strattonata da due opposte visioni: santino fresco di stampa del "Rinascimento napoletano" o stereotipo della napoletanità tradizionalmente intesa.

Ma in città c'è anche chi prova a sciogliere l'ambiguità su cui la cultura ufficiale ha campato per anni, chi lavora a iniziative che possano durare nel tempo senza dissolversi troppo velocemente al calore del bel sole e alla disinvoltura del "tira a campare".

Attraverso convegni, premi letterari, presentazioni di libri, aule di scuola, assessorati alla cultura, mostre d'arte, laboratori di scrittura, cene tra scrittori, si compone il quadro impietoso di cosa significhi "fare cultura a Napoli" oggi. Tra entusiasmo e rabbia, illusione e scoramento, la città più europea del nostro Mezzogiorno viene offerta al lettore nella sua caparbietà dai due volti.

Il continuo, furibondo, pirotecnico battibecco tra Eva - trasparente alter ego dell'autrice - e il suo tentatore dà voce a questo libro-inchiesta che è anche e soprattutto un racconto. E dagli strali dell'uno o dell'altra non si salva nessuno...nemmeno il diavolo!

 

© 2014-2017 Antonella Cilento - Tutti i diritti riservati